Puoi scrivere a

antonella.frontani@gmail.com
Vice Presidente di Film Commission Torino Piemonte - Collaboratore in Staff Assessorato Attività Produttive, Commercio, Lavoro Città di Torino

La vera saggezza sta in colui che sa di non sapere

Nel corso del tempo il lavoro mi ha insegnato che sono infinite le cose che non sappiamo. Da lì, il mio impegno per l'informazione e la divulgazione è diventato "passione".


sabato 6 giugno 2015

CINEMA NEOREALISTA - Lo splendore del vero nell'Italia del dopoguerra

A settant'anni dalla folgorante apparizione di Roma Città aperta di Roberto Rossellini, il Neoreliasmo continua ad essere la stagione più conosciuta, amata e influente della storia del cinema italiano.
La prima, grande rivoluzione del nostro cinema fece leva sull'unità antifascista e  sullo spirito della Resistenza, dando una risposta alla necessità  di liberazione e rinnovimento.
L'Italia, rasa al suolo, preparò la sua ricostruzione trasformando la crisi in un'opportunità.
Il cinema iniziò a proporre "effetti di civiltà" con Roma città aperta. Ladri di biciclette, Paisà, Achtung!, Sciuscià…trasformando il cinema in un'arte utile e nella "forma artistica della verità", secondo la volontà di  Roberto Rossellini.
Ad Antropos un bellissimo viaggio nel mondo del cinema neorealista con Grazia Paganelli e Fabio Pezzetti Tonion, collaboratori di Alberto Barbera nella preparazione ed allestimento della grande mostra  sul Neorealismo, inaugurata alla Mole Antonelliana giovedì 4 giugno 2015.
Fotogrammi, sequanze di film, documenti, manifesti, materiale pubblicitario, testi, sceneggiature originali, frammenti d'interviste, note di produzione, lettere e dichiarazioni, attinte dall'archivio del Museo e dagli archivi privati delle famiglie Rossellini e De Sica, sono stati esposti in un suggestivo allestimento che ha trovato accoglienza anche nei luoghi più suggestivi di Torino.
"Cinema neoreliasta - Lo splendore del vero nell'Italia del dopoguerra" è il catalogo realizzato per racchiudere il materiale esposto, realizzato  a cura di Alberto Barbera, direttore del Museo del Cinema e della Biennale Cinema di Venezia,  Grazia Paganelli e Fabio Pezzetti Tonion.
Il volume accende i riflettori su quel momento irripetibile che ancora oggi ci affascina e ci commuove, cogliendo in esso il riflesso di ciò che eravamo e il presagio di ciò che saremmo diventati.

 "Per me il Neorealismo é soprattutto una posizione morale. Diviene poi posizione estetica, ma in partenza è morale; L'importante non sono le immagini, ma la idee" ( Roberto Rossellini)

Intervista curata e condotta a Antonella Frontani
Focus a cura di Giorgio Diaferia
Regia: Teo Cavalluzzo, Franco Finiguerra
Assistenti di studio: Cristina Colet, Federico Cuomo, Chiara Cuttica
Backstage: Elisabetta Vacchetto, Geeta Reda

video

Video di Backstage a cura di Geeta Reda
video